La Statua di Marco Cavallo del XXI Secolo

Marco-cavallo-del xxi-secolo

La Giornata Nazionale del Cavallo
I Monumenti Equestri – Firenze

Riga

Statua di Marco Cavallo del XXI Secolo

Nel centenario della nascita di Franco Basaglia, i Chille De La Balanza regalano alla città di Firenze la Statua di Marco Cavallo del XXI Secolo.
Una grande scultura, decisamente diversa dagli altri Monumenti ospitati in questa sezione, una scultura alta 5 e lunga 8 metri creata dall’Artista Edoardo Malagigie realizzata in plastica riciclata da R3direct.

La Statua di Marco Cavallo del XXI secolo riprende e reinventa lo storico Marco Cavallo, creato da Giuliano Scabia e Vittorio Basaglia nel 1973, che aprì per la prima volta le porte dell’allora manicomio di Trieste.

Oggi il progetto Chille-Malagigi vuole ripercorrere un altro dettato basagliano: quello dell’entrare-fuori/uscire-dentro, favorendo l’ingresso consapevole dei cittadini di Firenze a San Salvi, per non dimenticare e soprattutto per favorire una maggiore attenzione ai temi dell’ambiente e della salute mentale oggi.

La-Statua-di-marco-cavallo-del-xxi-secolo

Tanti i cittadini e molte le autorità presenti all’inaugurazione a partire da Alessia Bettini, vicesindaca e assessora alla cultura, dove Claudio Ascoli, dei Chille De La Balanza, ha formalmente regalato la scultura che resta stabilmente a San Salvi.
Un’occasione per completare il percorso di ingresso della città in quella che per oltre un secolo è stata una città negata.

La storica invasione del Marco Cavallo che nel 1973 fece conoscere ai triestini l’esistenza dei “matti”, viene ripresa invitando i cittadini di Firenze ad entrare a San Salvi per conoscere consapevolmente che lì, per oltre un secolo sono stati rinchiusi migliaia di esseri umani considerati rifiuti.
Oggi, in questo modo, i fiorentini (e non solo) potranno incontrare la statua di Marco Cavallo del XXI Secolo nato dai loro rifiuti e trasformato in bellezza assoluta dalla creazione di Malagigi realizzata con struttura in ferro e plastica riciclata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *