Il Monumento Equestre a Vittorio Emanuele II

Il Monumento Equestre a Vittorio Emanuele II

La Giornata Nazionale del Cavallo
I Monumenti Equestri – Milano

Riga

Il Monumento Equestre a Vittorio Emanuele II

La Piazza del Duomo di Milano ospita il Monumento Equestre a Vittorio Emanuele II, un’opera dello scultore Ercole Rosa al quale venne commissionata da Re Umberto I alla morte del padre, avvenuta nel 1878 ma il monumento venne collocato solo nel 1896, dopo la morte dello scultore (1846-1893).

Il monumento equestre raffigura Vittorio Emanuele Il nell’atto di frenare improvvisamente il cavallo per voltarsi a incitare i suoi soldati prima dell’attacco alla baionetta nella battaglia di San Martino nel giugno del 1859.
L’artista ha conferito grande energia alla scultura che appoggia con tutte e quattro le zampe dell’animale sul piedistallo, dando così anche stabilità alla scultura, nell’ingresso delle truppe piemontesi a Milano, durante la Seconda Guerra d’Indipendenza italiana.

Il monumento, terminate le fusioni delle parti in bronzo da parte della Fonderia Barigozzi nel 1893, all’Isola, fu oggetto di lunghe discussioni sulla collocazione, se nei pressi di Palazzo Reale oppure nella Piazza del Duomo, dove ora si trova il monumento.

Alla morte di Ercole Rosa i lavori vennero proseguiti dai fratelli Barzaghi sotto la direzione dello scultore Ettore Ferrari.

Il monumento è collocato su un basamento in granito rosso contornato da una gradinata in marmo bianco dalla quale si innalza un ulteriore piedistallo in marmo di Carrara decorato con un rilievo che raffigura l’ingresso delle truppe piemontesi a Milano.

Sul fronte del piedistallo si trova la data «giugno 1859» a rimarcare l’ingresso del Re a Milano l’8 giugno del 1859 mentre sul lato opposto la scritta «14 giugno 1896» in riferimento alla data d’inaugurazione del monumento.
Alla base due leoni sdraiati sulle gradinate laterali che posano una zampa ciascuno su una targa con inciso il nome «Roma» e «Milano» in riferimento alle grandi conquiste del risorgimento.

La Giornata Nazionale del Cavallo I Monumenti Equestri

Il 18 maggio 2012 sono stati rinvenuti al di sotto della statua i vani di fondazione al di sopra dei quali è stato realizzato il monumento e il 9 marzo 2023 il monumento è stato imbrattato con vernice da due attivisti del movimento Ultima Generazione e restaurato da parte di un privato con un costo, pare, di circa 30.000,00 €.

La Giornata Nazionale del Cavallo I Monumenti equestri

Il monumento imbrattato

Ercole Rosa, scultore illustratore delle glorie del Risorgimento (il movimento per l’indipendenza e l’unità nazionale tra il 1800 e inizio 1870) nonostante le numerose opere è stato quasi completamente dimenticato e morì a 47 anni, prima dell’inaugurazione del monumento a Vittorio Emanuele II.

Giovanissimo, a 12 anni, è iscritto alla Accademia di San Lucca, a 17 anni vince il concorso per la realizzazione del monumento ai fratelli Cairoli, eroi garibaldini, collocato a Roma e le sue qualità artistiche lo hanno portato al Consiglio dell’Accademia di Belle Arti.

La giornata Nazionale del cavallo i Monumenti Equestri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *