Il Museo del Cavallino della Giara

Il Museo del Cavallino della Giara

Club Cavallo Italia vi invita a visitare il Museo del Cavallino della Giara

Uno dei Musei che arricchiscono la Giornata Nazionale del Cavallo

Vi proponiamo un museo veramente unico nel suo genere ma prima di iniziare a leggere consiglio: iscrivetevi qui alla nostra newsletter settimanale e saprete prima di tutti cosa succede nel nostro mondo, il mondo di chi ama i cavalli. Grazie.

Il Museo del Cavallino della Giara ha il compito di raccogliere le testimonianze del paese che lo ospita, Genoni, concentrandosi sulle realtà radicate nella memoria storica della sua popolazione e conservate attraverso la cultura materiale, il lavoro, i racconti, l’ambiente.
Memoria storica di una comunità il cui percorso è accompagnato dalla presenza del cavallino della Giara, come un’ombra che la segue senza abbandonarla, che definisce i suoi contorni e segna il suo percorso.

Il museo attraverso le immagini del fotografo Alessio Orrù e il documentario del regista Sergio Scavio racconta la vita sull’altipiano della Giara nel corso di un anno solare descrivendo la flora, la fauna, la vita del cavallo della Giara ma anche il coinvolgimento dell’uomo nella gestione del territorio.

Nella sezione dedicata al cavallo della Giara viene approfondita l’origine dell’animale, il suo habitat e il rapporto con l’uomo.

L’allestimento del museo si basa sulle interviste alla popolazione locale che ha vissuto gli anni della guerra.
Si sono invitati i genonesi a partecipare e la risposta è stata importante e attiva, come sempre. Nelle interviste si è cercato di raccogliere un’immagine obiettiva, evitando di influenzare l’interlocutore con domande troppo specifiche, e si è cercato di documentare i ricordi più nitidi.

Il Museo del cavallino della Giara

L’ingresso

Il Museo del cavallino della Giara

La camera da letto

Le microstorie raccontate si legano al territorio senza mai scindersi dal contesto ma dando un ulteriore spaccato documentario che ci impone, per dovere documentario, un sistema museografico espositivo alternativo.

Con l’obiettivo di coinvolgere anche i più piccoli, le interviste sono passate nelle mani di una grande artista, l’illustratrice Pia Valentinis, che dopo aver analizzato il materiale raccolto lo ha trasferito in illustrazioni.
Quadri che rafforzano l’esposizione museale con l’obiettivo ambizioso di poter raggiungere sensibilità differenti.

Quadri che rafforzano l’esposizione museale con l’obiettivo ambizioso di poter raggiungere sensibilità differenti.

Di lato un’opera di Pia Valentinis

Il Museo del cavallino della Giara
Il Museo del cavallino della Giara

La cucina

Il Museo del cavallino della Giara

Il cavallino della Giara

Un importante contributo scientifico al museo è stato dato dal Prof. Giulio Angioni che ha documentato le sale dando una visione più ampia sulla demoetnoantropologia sarda generando un rapporto dialettico tra locale e regionale e al dott. Marco Piras dell’Agris per l’assistenza scientifica nella sezione dedicata al cavallino della Giara.

Con la collaborazione della RP-Sardegna onlus i contenuti sono fruibili all’interno del penta libro, importante strumento di sussidio per la scoperta del museo per le diverse capacità cognitive. Con lo stesso obiettivo, la Archeogeo ha realizzato delle riproduzioni degli oggetti più grandi agevolando la manipolazione dell’oggetto nel suo insieme.

Il museo del Cavallino della Giara

Il cavallino della Giara

Il contributo più importante è quello dell’anima del museo, la popolazione locale che in modo diverso ha partecipato, collaborato, donato, ha contribuito e contribuisce alla vita del Museo del Cavallino della Giara.

Per visitare il Museo del Cavallino della Giara e per saperne di più: https://museocavallinodellagiara.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *