Modello per Monumento Equestre

modello-per-monumento-equestre

La Giornata Nazionale del Cavallo
I Monumenti Equestri – Modena

Riga

Giuseppe Graziosi (1879-1942)
Modello per monumento equestre a Benito Mussolini per il Littoriale di Bologna, 1929
Gesso originale con patina color bronzo
Modena, Gipsoteca “Giuseppe Graziosi”

 

Nel 1928, ultimata la costruzione dello stadio di Bologna, lo scultore modenese Giuseppe Graziosi ottiene dall’onorevole Arpinati il prestigioso incarico di realizzare il monumento equestre al Duce, da collocarsi davanti all’arco della “Torre di Maratona”, costruita dall’architetto Arata sul limite dello stadio, nel punto esatto in cui si trovava Mussolini sul suo cavallo, in atto di arringare la folla, il giorno dell’inaugurazione del Littoriale.

Per l’occasione, Arpinati aveva introdotto lo scultore nello studio del Duce, consentendogli di immortalarlo dal vero, e di modellare così la testa, in soli cinque giorni.

A tale proposito risulta interessante la testimonianza dell’artista che commenta quelle ore di posa nelle stanze di Mussolini: “Stavo lì, col mio blocco di plastilina, vicino alla finestra, alla sinistra del suo tavolo da lavoro… a tentar di capire il segreto di quella fronte, di quegli occhi…

C’era innanzi a me un’immagine di volontà da ripetere nella creta”.

Nella testa, che servì da modello per il monumento, l’artista riesce a catturare con efficacia e verità il carattere del personaggio che è presentato con l’uniforme di Comandante Supremo della Milizia e quasi trasfigurato in un eroe: il cavallo che procede con il collo inarcato, tutto muscoli e fremiti, e il condottiero che grandeggia con la torsione del busto, fiero e saldo in sella al destriero, reggendo le briglie e uin rotolo in atteggiamento di comando, ripropongono tipologie legate ai grandi monumenti equestri rinascimentali, primo fra tutti, il Colleoni del Verrocchio.

Giuseppe Graziosi (1879-1942)
Modello per monumento equestre a Benito Mussolini per il Littoriale di Bologna, 1929 gesso originale con patina color bronzo
Modena, Gipsoteca “Giuseppe Graziosi”

Una serie di scatti mostra le fasi di collocazione del monumento che fu inaugurato il 27 ottobre del 1929, in concomitanza con la celebrazione del settennale della Marcia su Roma.

Del monumento, distrutto nel 1943, rimane solamente la testa del Duce, attualmente conservata nella sede bolognese dell’Istituto Storico della Repubblica Sociale Italiana.

modello-per-monumento-equestre

Dettaglio dell’inaugurazione del monumento a Mussolini nello stadio comunale di Bologna, 1929

Gipsoteca “Giuseppe Graziosi”
Palazzo dei Musei Largo Porta Sant’Agostino 337 Modena

www.museocivicomodena.it

museocivico@comune.modena.it

ingresso gratuito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *